SEZIONE MUSICA.gif (23977 byte)

Cave Nick - No more shall we part

Era il 31 maggio 1994 quando con il mio socio-collega-amico Moreno mi recai al Teatro "La Gran Guardia" per assistere al concerto di Nick Cave.

Bianco come un litro di latte, magrissimo, inquietante e… bravissimo.

"No more shall we part" Ŕ un lavoro cupo, ossessivo, epico, intriso di drammaticitÓ, con una forte componente religiosa.

Il tema religioso Ŕ infatti il filo conduttore di tutto il CD, basta leggere i titoli delle canzoni per rendersene conto.

La voce di Nick Ŕ sempre la stessa, oscura, triste ,meravigliosa, ma il vero protagonista del lavoro Ŕ il piano, sempre presente, sempre al posto giusto al momento giusto, che accompagna ballate lugubri e canzoni epiche.

Quasi 70 minuti di musica per 12 canzoni, alcune belle, altre stupende, alcune meravigliose.

"As I sat sadly by her side","Love letter", "Oh my Lord", "Sweetheart come", non possono lasciarvi indifferenti.

Il capolavoro del disco Ŕ per˛ "Hallelujah", una ballata di 8 minuti triste, drammatica, potente, con la voce di Nick penetrante, ossessiva, martellante, con un inizio struggente, malinconico, canzone che cresce ogni secondo, con la voce accompagnata dal piano in una sorte di preghiera,per finire con tutta la sua epicitÓ con un coro femminile senza strumenti da brividi : meravigliosa!

Nick Cave, una conferma per chi giÓ lo conosce, un' occasione da non perdere per chi deve ancora incontrarlo.(Massimo V.)

 

INDIETRO   -  HOME

NickCave.jpeg (3487 byte)
ticket1cave.jpg (9558 byte)