ALUNNI DEL SOLE   LIVE

Cittanova - Reggio Calabia  28 Agosto 2004

 

Nella stagione ideale per la musica, quando il buio della sera regala fresche brezze di vento, i nostri occhi guardano oltre il palco .Tra le luci ed un allestimento tipicamente "Settanta" , sei musicisti iniziano a dispensare emozioni.Paolo Morelli ,dietro il pianoforte,sembra incarnare la figura del Mito,di un artista e poeta ,che ha fatto del suo mondo,dei suoi sogni,delle sue malinconie, uno spazio artistico e musicale ,particolare ed insostituibile nel mondo della canzone d’autore.

L’ impatto live è molto bello. Una piazza in una cittadina della Calabria ,molto suggestiva,piena di gente è lo scenario ideale per "reduci degli anni settanta" ,ma anche per i loro figli o giovani teen ager,che si accostano alla loro musica . "Concerto " apre lo show, sarà un interminabile treno di emozioni, che correrà sui binari delle canzoni per oltre due ore .Paolo Morelli al pianoforte,Bruno Morelli alla chitarra ,Gianfranco Coletta alla chitarra,Alessandro Saba al basso,Enrico Olivieri alle tastiere e Ruggero Stefani alla batteria ,restituiscono un immagine degli Alunni del Sole ,che "on stage" è un po’ differente dai contenuti discografici .Sempre belle le canzoni,ma con arrangiamenti  più "heavy",con ampio spazio per le chitarre e belle orchestrazioni riprodotte con le tastiere. Ogni canzone è una nuova emozione ,da scoprire e riassaporare con le magiche interpretazioni di Paolo,che cambiano di concerto in concerto,mai uguali .Diventa bello ascoltare tanti successi,con  sprazzi di musica napoletana ,con la splendida "O sole se ne jeva" , l’applauditissima"A Canzuncella " e "Tarantè",interpretata anche in modo un po’ parlato ,con note di armonia che con le tastiere diventano molto belle. Bruno Morelli ,con molta simpatia, traccia le tappe della storia del gruppo ,raccontando aneddoti e intervallando musica e parole ."Jenny" è l’apoteosi delle chitarre .Il duetto tra Gianfranco Coletta e Bruno Morelli, esalta il pubblico ,con la batteria incessante di Ruggero Stefani ed il basso di Alessandro Saba che unendosi alle tastiere di Enrico Olivieri ed al pianoforte ed alla voce di Paolo Morelli ,diventano un tappeto sonoro tra progressive e melodia .

Quanti concerti ci siamo persi !!!!! Immancabili "I ritornelli infantili","Isa Isabella ","L’Aquilone" eseguita in modo beat ,molto caratteristici i coretti di tutta la band . Snocciolando le emozioni , molto belle "Guardi me,guardi lui", "I tuoi silenzi","Se hai peccato",con un crescendo musicale e stacchi orchestrali con le tastiere .Le mani sul pianoforte disegnano dolci melodie ,spezzate da veementi accelerazioni di chitarre o tastiere ,come un animo inquieto ,dolce e solitario,malinconico e capace di grandi slanci ,tutto un mondo di artista .Le luci disegnano sagome che si muovono sul palco,i musicisti vestono di ottime strumentazioni la vena poetica di Paolo ,assistiamo ad un concerto che è una continua emozione .La sua voce è un po’ diversa di trentanni fa ,ma è sempre bella, regala toni acuti e bassi ,rivisitando un repertorio che rimane nel tempo ,tra gli standard migliori della melodia italiana ."Pagliaccio" inizia in modo quasi blues,con pianoforte e voce ,ma lentamente entrano in gioco tutti i componenti che eseguono al meglio le sensazioni musicali ."Liu" ,diventa il "top" del concerto ,è la loro canzone più conosciuta e la piazza si scalda ,pur rimanendo sempre composta ed attenta . E’ difficile tradurre in parole ,le sensazioni vissute ,ma rimane dentro noi un rimpianto . Se gli Alunni del Sole avessero investito   maggiormente sulle esibizioni live,avrebbero mantenuto uno standard di pubblico pari a Pfm, Pooh e Nomadi ,ma con una forza in più : avere all’interno Paolo Morelli, un poeta ed un musicista unico nel suo modo di essere. Lontano dallo star system,una grande qualità,ma forse anche un piccolo limite .Le luci del palco si spengono ,dopo il bis di "Concerto",rimaniamo ancora abbracciati alle immagini che rimangono nei nostri occhi .Con la fisicità e la bravura di Gianfranco Coletta ,la discrezione e l’eleganza di Bruno Morelli, l’estrema poesia di Paolo Morelli ,la simpatia di Alessandro Saba ,il back stage di Ruggero Coletta e la signorilità di Enrico Olivieri .

Una band da rivalutare nei canoni del pop melodico,con produzioni musicali sempre nuove,in autunno uscirà un nuovo album di canzoni inedite .Un insieme di validi musicisti ,con l’angolo di palco occupato da un pianoforte, tra luci soffuse ed una sagoma poetica che canta emozioni infinite .

Fulvio D’Ascola CITTANOVA (RC) 28 AGOSTO

 

 

Discografia Alunni del sole

 

DSC00937.JPG (19347 byte) DSC00930.JPG (15184 byte)

 bruno.jpg (16462 byte) paolo 1.jpg (18778 byte)

DSC00910.JPG (21865 byte) Saba & Olivieri.JPG (23626 byte)

DSC00933.JPG (15347 byte) DSC00935.JPG (19831 byte)

 

Indietro   -  Home