MARTON - PAGLIUCA -TAGLIAPIETRA

5 e 6 Novembre / Teatro Tendastrisce

PROG EXHIBITION -  40 ANNI DI MUSICA IMMAGINIFICA

Nel 1975, LE ORME decisero di introdurre un chitarrista nell'organico, per dare una svolta alla loro musica.

La scelta cadde sull'allora misconosciuto ventiquattrenne trevigiano Tolo Marton:con lui alla chitarra elettrica e all'armonica venne inciso, a Los Angeles, l'album SMOGMAGICA.

Il disco contiene tra l'altro Amico di ieri, il singolo estratto, e Laserium Floyd, dichiarato omaggio ai Pink Floyd.

La copertina dell'album Ŕ opera di Paul Whitehead, giÓ autore per Genesis, Van der Graaf Generator e altri. Tutto questo accadeva a meta' degli anni 70, esattamente 35 anni fa'.

Ieri sera, in occasione del Prog Exhibition di Roma, abbiamo assistito alla reunion dei componenti storici delle ORME, esattamente la formazione di quell'album con qualche variante.

ALDO TAGLIAPIETRA, TONY PAGLIUCA e TOLO MARTON, accompagnati da CARLO BONAZZA alla batteria e David CROSS al violino.

Subito dopo i TRIP e la loro fiammante performance, e' forte l'attesa e molti si dispongono sotto al palco. Appena escono i musicisti, dalla platea si solleva un boato da stadio. In alto sullo schermo, in caratteri giganteschi, semplicemente i loro nomi.

La band, visibilmente imbarazzata e sorpresa, viene accolta da uno scrosciare di applausi a non finire fra schiamazzi, grida, cori, invocazioni ed altro. Tutti in piedi come quando si ascolta il solenne inno nazionale.

Perfino uno striscione colorato appare fra il pubblico con il disegno dei tre musicisti e una scritta di benvenuto.

Effettivamente, episodi del genere non sono cose di tutti i giorni. Vedersi di fronte una marea di gente di quella portata potrebbe intimorire anche il piu' rodato musicista.

Nell'immaginario collettivo, la reunion delle ORME con TONY PAGLIUCA, era come una sorta di leggenda, un evento impossibile, impensabile, alieno.

Tutti aspettano questo momento magico con trepidazione e nessuno puo' trattenersi nell'esternare la sua gioia nel vedere realizzato il suo sogno.  

Considerando che si tratta della prima performance dopo tanti anni, si avverte un certo feeling fra i musicisti e si ha l'ottima impressione sia musicale che di esecuzione, anche se ancora tutta da rodare.

La band e' capace, gia' alle prime note, di catapultare l'intera audience in quei  favolosi seventies a colpi di brani come LOS ANGELES, AMICO DI IERI, SGUARDO VERSO IL CIELO, LA PORTA CHIUSA, toccando il vertice con l'estratto della suite FELONA E SORONA, ciliegina sulla torta dell'intera discografia.

Uno scatenato TONY PAGLIUCA, alle prese con hammond ed altre diavolerie, sembra tornato 30 anni indietro, si vede che e' visibilmente emozionato. Ogni tanto si rivolge alle prime file quasi a chiedere conferma se e' tutto ok. Si dimena alle tastiere, a volte seduto a volte in piedi, sciorina note su note,  fraseggi riconoscibilissimi ormai entrati di diritto nella storia della musica moderna.

Il pubblico fa' un ovazione a dimostrazione che l'autore originale non si puo' scambiare con nessun'altro.

ALDO TAGLIAPIETRA, non fa' una piega con la sua magica voce marchio di fabbrica, anche lui sembra emozionato e teso. Ha qualche problemino con gli amplificatori che i bravi tecnici risolvono in brevissimo tempo. Magistrale la sua voce e il suo basso, una figura carismatica ormai indelebile.

TOLO MARTON riconferma la sua bravura di chitarrista/compositore Rock-blues, con le sue melodie inconfondibili che catturano l'intera platea.

Vengono suonate anche alcune canzoni non del repertorio ORME, come un pezzo bellissimo dello stesso MARTON, dedicato al compianto GERMANO SERAFIN, e una cover dei KING CRIMSON insieme a DAVID CROSS.

Un sound diverso da quello che abbiamo ascoltato finora e che abbiamo avuto modo di assaporare dalle ORME di MICHI DEI ROSSI e MICHELE BON, per intenderci.

Ma sulle differenze lascio a voi lettori la liberta' di paragone quando avrete modo di ascoltarli dal vivo. Sono convinto che si formeranno diverse scuole di pensiero al riguardo,  tutto dipendera' da quello che faranno nell'immediato futuro.

Insomma, due grandi band che promettono faville. Due band parallele osannate a lo stesso livello.

Uno o piu' album di inediti nel 2011, ristampe di dischi solisti,  un nuovo disco solista di ALDO TAGLIAPIETRA, concerti ed altro ancora.

La contesa del nome ORME e' un problema privato loro che dovranno risolvere. Dietro un nome ci sono dei musicisti, dei compositori, c'e' l'arte pura. Accettiamo qualunque nome, qualunque etichetta, per noi poco importa.

Noi fans vogliamo che continuino con la loro MUSICA e niente piu'. Li amiamo tutti incondizionatamente. Non possiamo smettere di sognare, lo abbiamo fatto per anni,  lo faremo per sempre.

Marco Fedele

 

  

  

Foto Tozzi Tino

Foto Luigi Di Terlizzi

 

Indietro   -  Home