NOMADI

Da dove parto?. Cosa dico?. Troppe cose da dire contemporaneamente. Limitiamoci all’essenziale, perché occorrerebbe uno spazio molto piu’ grande di questo per poter narrare le vicende questo straordinario, storico gruppo che ha attraversato più di quattro decenni senza conoscere cedimenti musicali e perdite di affetto da parte del pubblico. Naturalmente è doveroso ricordare (come ce ne fosse bisogno) le vicissitudini che hanno colpito i Nomadi (solo la morte di Augusto Daolio, uno dei fondatori storici e leader incontrastato), roba da gettare la spugna e abbandonare tutto. Nonostante tutto eccoli li’ ancora con tante storie da raccontare e con albums che arrivano in cima alle vette delle classifiche. Tanto di cappello Signori Nomadi!.

Nascono tra Modena e Reggio Emilia nel ’63 e solo due anni dopo arrivano ad incidere il loro primo 45 giri dal titolo: "Donna la prima donna" , gia’ lanciata dall’americano Dion che li fa conoscere in ambito regionale.

Nel 1966 esce il loro secondo 45 giri: un brano di Sonny Bono "The revolution kind" che si trasforma in "Come potete giudicar", servono altre parole? Fantastico! Il successo si bissa con la partecipazione al Cantagiro con "La mia libertà" (Girl don’t tell me) dei Beach Boys.

Il loro amore per il beat è aggraziato dal folk di origine americana, il che li spinge sempre piu’ in quella direzione, andando a trovare il Dylan italiano: Francesco Guccini. Un personaggio che li aiuterà scrivendo per loro canzoni che entreranno nella nostra storia musicale: "Noi non ci saremo", "Dio e’ morto" (brano censurato a quei tempi, ovvio), "Per quando è tardi", "Canzone per un’amica".

Nel 1967 esce il loro primo LP, tra i piu’ belli di tutto il periodo beat, che comprende ""Ti voglio" (I want you) di Dylan, "Quattro lire e noi" (My mind’s eye) degli Small Faces, "Ma piano (per non svegliarmi), piccolo gioiello. Da ricordare c’e’ anche "Un figlio dei fiori non pensa al domani" (Death of a clown) del Kinks, uscito anche a 45 giri. Fantastico.

Il 1968 si apre con "Ho difeso il mio amore" (Nights in white satin ) dei Moody blues, "Il nome di lei", (Gotta see Jade) DI r: Dean Taylor, e con l’uscita del loro secondo LP, di straordinaria fattura.

Seguono altri 45 giri ed un LP ( anche se è del 1970) che indichero’ nella discografia qui sotto, ma mi fermerei qui, la storia è ancora lunga, per i nomadi il tempo non si’ è mai fermato.

Formazione originaria:

Augusto Daolio – Voce

Beppe Carletti – Tastiere

Gabriele "Bila" Coppellini – Batteria

Franco Midili – Chitarra

Gianni Coron - Basso

 

LP – PER QUANDO NOI NON CI SAREMO – COLUMBIA- EMI 1967

LP – I NOMADI – COLUMBIA-EMI 1968

LP – MILLE E UNA SERA – COLUMBIA-EMI 1970

 

45 – gg – DONNA LA PRIMA DONNA / GIORNI TRISTI – COLUMBIA-EMI 1965

45 – gg – COME POTETE GIUDICAR / RACCONTA TUTTO A ME – COLUMBIA-EMI 1966

45 – gg – COME POTETE GIUDICAR / LA MIA LIBERTA’ – COLUMBUA-EMI 1966

45 – gg – NOI NON CI SAREMO / UN RIPARO PER NOI – COLUMBUA –EMI 1966

ritirato dal mercato per diritti del lato B

45 – gg – NOI NON CI SAREMO / SPEGNI QUELLA LUCE – COLUMBIA-EMI 1966

45 – gg – DIO E’ MORTO / PER FARE UN UOMO – COLUMBIA EMI 1967

45 – gg – UN FIGLIO DEI FIORI NON PENSA AL DOMANI / VOLA BAMBINO – COLUMBIA-EMI 1967

45 – gg – HO DIFESO IL MIO AMORE / CANZONE PER UN’AMICA – COLUMBIA-EMI 1968

45 – gg – IL NOME DI LEI / PER QUANDO E’ TARDI – COLUMBIA-EMI1968

45 – gg – VAI VIA COSA VUOI / L’AUTO CORRE LONTANO MA IO CORRO DA TE – COLUMBIA EMI 1969

45 – gg – MAI COME LEI NESSUNA / UN AUTUNNO INSIEME E POI – COLUMBIA-EMI 1969

45 – gg – UN PUGNO DI SABBIA/IO NON SONO IO

 

nomadi 1.jpg (35878 byte)

nomadi 2.jpg (37932 byte)

nomadi 3.jpg (32337 byte)

 

Per_quando_noi_non_ci_saremo.jpeg (3212 byte) I_Nomadi.jpeg (4426 byte) Mille_e_una_sera.jpeg (3894 byte)

 

DISCOGRAFIA TOTALE

 

Grano

 

 

Per eventuali suggerimenti scrivi a:   sezionemusica   @   aruba .  it

 

INDIETRO     -    HOME